UA-133840645-1
La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

STERILIZZAZIONI CANI RANDAGI. LIBRINO SAREBBE ABBANDONATA: L'APPELLO DI UNA LETTRICE

Inviato 2019/03/05

di Sonia La Farina

È di pochi giorni fa la notizia riguardo l’obiettivo di sterilizzare 3500 cani randagi della provincia etnea entro il 2019. Si tratta di un piano straordinario dell’Asp di Catania, partito ieri, nell’ambito di un piano di intervento disposto dall’assessorato alla Salute che prevede un investimento da 2 milioni di euro in tutta la Sicilia, 440mila euro nel catanese.

Questa notizia ha suscitato l’interesse di una lettrice di sonialafarinanews che ha contattato la nostra redazione per chiedere l’immediato intervento.

Si tratta di un’animalista, che ha chiesto di rimanere anonima, che si occupa dei cani randagi del quartiere di Librino.

Secondo la donna, che ha inviato le foto in redazione, da un po’ di tempo non verrebbero eseguite le sterilizzazioni su questi cani, che quindi sarebbero triplicati: «i cani sono triplicati perché non vengono fatte le sterilizzazioni da circa un anno. Nascono sempre cuccioli che vanno a finire sotto le macchine e muoiono investiti per la strada».

Sempre secondo la donna, nessuno interverrebbe in soccorso di questi cani: «non è stata firmata la convenzione con il soccorso veterinario».

La lettrice chiede aiuto al soccorso veterinario e alla polizia municipale. E più in generale alle Istituzioni.

sonialafarinanews resta a disposizione per eventuali rettifiche da parte degli organi competenti sulla situazione di Librino.

La nostra redazione si rende inoltre disponibile a mettere in contatto chi di competenza con la lettrice per eventuali interventi immediati.

 

 

 

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

 

 

 

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

 

 

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

 

 

 

 

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)