UA-133840645-1
La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

"QUESTO PALAZZO E' ANCORA CHIUSO!", LA PROTESTA DEGLI STUDENTI DAVANTI L'HOTEL COSTA, EX RESIDENZA UNIVERSITARIA

Inviato 2019/02/01

di Sonia La Farina

Si sono presentati stamattina, davanti l’hotel Costa di via Etnea, armati di striscioni, i ragazzi dello Studentato 95100, ad un anno esatto dallo sgombero dell’ex residenza universitaria.

Dopo un anno, gli studenti sono tornati sotto l’albergo per chiedere risposte al presidente dell’Ersu.

A detta dei ragazzi, l’1 febbraio 2018, il presidente dell’Ersu avrebbe garantito che l’albergo sarebbe stato ristrutturato e messo a disposizione dei fuorisede.

Ma la situazione sembrerebbe non essere cambiata: «questo palazzo è ancora qui, chiuso, inutilizzato e costretto a marcire», dichiara la studentessa Valeria.

«Quello che continuiamo a temere – aggiunge Giuseppe – è che ancora nulla si sia realmente sbloccato».

In attesa di risposta da parte delle Istituzioni universitarie, gli studenti non mollano: «noi – concludono i ragazzi – continuiamo a combattere per difendere il nostro diritto allo studio!».

 

 

 

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

 

 

 

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

 

 

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

 

 

 

 

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)