La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

QUARTO ANNIVERSARIO MORTE LAURA RUSSO: OGGI POMERIGGIO FIACCOLATA PER RICORDARLA

Inviato 2018/08/22

di Sonia La Farina

Era il 22 agosto del 2014 quando Roberto Russo accoltellò le figlie Laura e Marika mentre dormivano. Laura morì e Marika rimase ferita. Una ferita che resterà per sempre aperta nel cuore della ragazza ma anche in quello dei familiari della piccola Laura, in primis nel cuore della mamma Giovanna Zizzo, che da quel giorno si batte ricordare la sua bambina e tutte le vittime di femminicidio.

E oggi, in occasione del quarto anniversario della morte della piccola Laura, è stata organizzata una fiaccolata.

«Tutti insieme per Laura..La morte non esiste..la gente muore quando viene dimenticata!!!» scrive sui social mamma Giovanna, per annunciare la manifestazione di oggi.

Il raduno si terrà alle 17,30 presso piazza Don Bosco di S. Giovanni La Punta. Seguirà la fiaccolata verso la Chiesa Maria SS del Rosario e S. Rocco di Trappeto, dove alle 19,00 sarà celebrata la Santa Messa.

La mamma invita tutti ad indossare una maglietta bianca oppure quella di Laura. Le associazioni possono indossare le proprie magliette.
Inoltre ci sarà un momento in cui verranno letti alcuni pensieri e poesie, scritti e dedicati alla piccola Laura: «colgo l'occasione per invitare chi volesse o avesse il piacere di scrivere qualcosa e leggerla stasera - dichiara Giovanna Zizzo - Grazie di vero cuore a chi sarà presente e a chi lo sarà con il cuore. LAURA VIVE IN ME E IN TUTTI QUELLI CHE LA AMANO».

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)