La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

MULTISERVIZI: PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE A CAUSA DEL MANCATO PAGAMENTO DELLO STIPENDIO DI MARZO

Inviato 2018/04/10

di Sonia La Farina

Multiservizi, proclamato lo stato di agitazione. Non pagato lo stipendio di marzo.

I lavoratori della Multiservizi, azienda partecipata del Comune di Catania, hanno proclamato lo stato di agitazione a causa del mancato pagamento dello stipendio di marzo.

«Abbiamo avuto conferma dal presidente Giovanni Giacalone – afferma Rita Ponzo, segretaria generale della Fisascat Cisl – che nelle casse della Multiservizi non c’è un centesimo e quindi è necessario che sia la ragioneria comunale a firmare i mandati. Solo in questo caso si potranno pagare gli stipendi. Ma ad oggi la ragioneria comunale non ha firmato i mandati di pagamento».

«Non c’è stata neanche l’usuale anticipazione dovuta alla concomitanza delle festività pasquali – aggiunge Ponzo – per cui i lavoratori si sono trovati senza stipendio proprio nel periodo festivo. Siamo preoccupati perché nel frattempo non arrivano segnali dal Comune e se la situazione non si sbloccherà i lavoratori sono pronti a scendere in piazza e protestare».

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)