La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

LIBRINO: DOMANI SCIOPERO AL CANTIERE DEL "PALAZZO DI CEMENTO"

Inviato 2018/07/23

di Sonia La Farina

Librino, domani mattina sciopero al cantiere del "Palazzo di cemento".

Gli operai del cantiere di riqualificazione del "Palazzo di cemento" di Librino sciopereranno domani mattina, con una manifestazione davanti al cantiere, in viale Moncada 3.

«Il motivo della protesta - rende noto la Filca Cisl - risiede nel mancato pagamento di cinque stipendi da parte dell'azienda appaltatrice dell'opera, che è compresa nel Patto per Catania e finanziata con oltre otto milioni di euro. L'ultimo SAL (stato di avanzamento lavori) per un milione e 30mila euro, presentato dalla ditta al Comune, che è la stazione appaltante, nonostante sia stato approvato, non è stato liquidato per ritardi burocratici». 

«Oltre al grave disagio al quale vengono sottoposti i lavoratori - aggiunge la segreteria provinciale - c'è il rischio concreto che il cantiere potrebbe venire chiuso, consegnando alla città l'ennesima opera incompiuta, con grave danno anche per il mancato uso di un bene pubblico».

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)