La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

COMITATO FESTA SANT'AGATA CONSEGNA FONDI A PARROCCHIA LIBRINO E ASSOCIAZIONI CONTRO VIOLENZA DONNE

Inviato 2018/01/31

di Sonia La Farina

Il Comitato per la festa di Sant’Agata ha consegnato alla Caritas parrocchiale di Librino e alle associazioni Thamaia e Galatea, che si occupano di lotta al femminicidio, alcune donazioni con risorse recuperate lo scorso anno.

Alla parrocchia Resurrezione del Signore è andato l’incasso raccolto dal Club golf Le Saie durante il torneo Sant’Agata dello scorso anno.

Alle associazioni Thamaia e Galatea, una somma recuperata dalle sanzioni comminate lo scorso anno ad alcune Candelore che si erano attardate il 3 febbraio, non partecipando così alla processione delle Carrozze. 

«Ringraziamo – afferma il Comitato – chi ha contribuito ad aiutare chi si occupa quotidianamente dei bisogni dei cittadini di Librino. E siamo contenti di poter aiutare due associazioni che si occupano di violenza di genere, proprio mentre festeggiamo Sant’Agata, eccezionale figura di donna legata al tema del femminicidio».

Quest’anno l’incasso del torneo di golf organizzato da Le Saie, che si svolgerà sabato 3 febbraio, sarà devoluto ai Briganti di Librino, colpiti poche settimane fa da un incendio che ha distrutto la loro club house.

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)