La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

CASO MYRMEX: PROTESTA DEI LAVORATORI DAVANTI L'EX PALAZZO ESA

Inviato 2018/05/30

di Sonia La Farina

Myrmex: protesta dei lavoratori. Hanno protestato ieri davanti i cancelli dell'ex Palazzo Esa, gli ex ricercatori dei laboratori Myrmex. Le motivazioni riguardano il silenzio dell'Ente che aveva promesso una nuova attenzione alla vertenza.

«È trascorso il termine dei dieci giorni che la stessa Regione Siciliana aveva segnalato come possibile data di incontro con gli ex lavoratori della Myrmex», segnalano in una nota la Filctem Cgil e la Cgil.

Il segretario della Cgil, Giacomo Rota, insieme al segretario generale della Filctem Jerry Magno, e a quello provinciale, Giovanni Romeo, chiedono «nuovamente alla Regione di essere ricevuti e segnalano che i lavoratori sono stati ricevuti dal potenziale compratore del laboratorio, Roberto Giusti, dell'azienda Prestafarma».

«Dall'incontro in Prefettura del luglio 2017, non abbiamo avuto alcuna interlocuzione, neppure informale, con l'imprenditore Giusti, ma ci auguriamo che avvenga presto - spiegano i tre segretari - anche al fine di conoscere il Piano industriale. I lavoratori della Myrmex sono duramente provati proprio da quanto accaduto ai loro danni negli anni scorsi ed è necessario tutelarli in caso di salvataggio del laboratorio. Salvataggio che auspichiamo avvenga in tempi brevi e nelle migliori condizioni per chi investe, per chi lavora e per il territorio».

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)