UA-133840645-1
La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

ASILI NIDO IN PROTESTA: SENZA STIPENDIO DA SETTEMBRE 2018

Inviato 2019/05/10

di Sonia La Farina

Giornata di protesta per gli operatori degli asili nido, finanziati con i fondi Pac, in attesa di stipendio da settembre 2018.

I lavoratori hanno infatti manifestato davanti la Prefettura. Dentro la quale, poche ore fa, si è tenuta una riunione che tuttavia non ha portato ad alcun accordo.

A quanto pare infatti, dal Comune non si sarebbe presentato nessuno. Presenti invece il consorzio Quarantacinque e i sindacati che non accettano la proposta del consorzio: «si dicono disposti ad anticipare una mensilità ma solo tra una decina di giorni e solo a patto che le lavoratrici tornino subito in servizio. È un’assurdità. Non possiamo accettarla», afferma il segretario regionale Snalv, Confsal Antonio Santonocito.

Diversa era stata la proposta dei sindacati: dato che proprio tra una decina di giorni dovrebbero arrivare dei soldi dal Ministero per questo capitolo, hanno chiesto al Consorzio di farsi carico temporaneamente del problema anticipando le mensilità di gennaio, febbraio e marzo.

Il consorzio non ha accettato, le parti non si sono messe d’accordo e gli operatori, insieme ai loro rappresentanti sindacali, hanno deciso di continuare la protesta e non riprendere il servizio.

 

 

 

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

 

 

 

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

 

 

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

 

 

 

 

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)