UA-133840645-1
La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

25 APRILE, LIBERAZIONE: MANIFESTAZIONE DELL'ANPI IN VIA ETNEA

Inviato 2019/04/25

di Sonia La Farina

Manifestazione provinciale 25aprile “Nessuno Escluso”.

Si sta svolgendo in queste ore, in occasione del 74° anniversario della Liberazione, la manifestazione provinciale organizzata dall’Anpi, associazione nazionale partigiani d’Italia.

Il corteo ha riguardato anche quest’anno la centralissima via Etnea, da piazza Stesicoro a piazza Dante.

Sigle sindacali, associazioni e semplici cittadini stanno manifestando in difesa del diritto al lavoro. E ancora, per garantire a tutti l’accoglienza nel nostro Stato democratico e multietnico.

Per condannare la guerra ed ogni forma di intervento armato. Per affermare che non esiste libertà e democrazia senza una lotta agli intrecci mafiosi nella società.

«Il 25 aprile ricorda la vittoria degli ideali di libertà e democrazia che hanno spazzato via la dittatura – scrive l’Anpi – È il canto corale delle origini autentiche della nostra Repubblica. La maggioranza delle cittadine e dei cittadini italiani si riconosce con coscienza, fedeltà, entusiasmo e passione civile nella Festa della Liberazione.

Siamo in piazza in tantissimi per ricordare che l’onore della Patria fu difeso dal suo popolo e per portare avanti ancora una volta gli ideali per cui lottarono i partigiani: un Mondo di Pace, più giusto e libero.Viva la Resistenza, viva la Costituzione, viva l’Italia».

 

 

 

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

 

 

 

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

 

 

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

 

 

 

 

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)