La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

RAGAZZA VIOLENTATA DOPO SERATA IN DISCOTECA: CONDANNATI A 6 ANNI DI CARCERE I 3 AGGRESSORI

Inviato 2018/05/25

di Sonia La Farina

25anne violentata a Catania: condannati a 6 anni di carcere i 3 aggressori.

Sono stati condannati a 6 anni di reclusione per violenza sessuale, i 3 uomini accusati di avere abusato di una ragazza di 25 anni, dopo una serata trascorsa in una discoteca.

La giovane si era sentita male dopo avere bevuto un secondo drink e uno dei 3 ragazzi si era offerto di accompagnarla a casa. Da lì lo stupro: i giovani l'hanno violentata per ore, dentro l'auto, nascosti in una zona isolata.

La sentenza è stata emessa dal Gup, a conclusione del processo col rito abbreviato. L'accusa aveva chiesto otto anni. I 3 sono stati anche condannati al pagamento delle spese legali e al risarcimento della vittima con una provvisionale da 50 mila euro.

 

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)