UA-133840645-1
La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

MUORE LUCA CARDILLO, IL GIOVANE SICILIANO COLPITO DA UN TUMORE ALLA GAMBA

Inviato 2019/01/14

di Sonia La Farina

Luca Cardillo non ce l'ha fatta. Muore a 23 anni il ragazzo siciliano, colpito da una rara forma di tumore osseo alla gamba destra, la cui storia aveva commosso tutta l'Italia.
Due mesi fa, grazie anche ad una raccolta fondi online, era andato in America per tentare il tutto per tutto, ma stamattina purtroppo si è spento.

Nell'ultimo video-messaggio inviato a Fanpage.it, Luca aveva detto: "Spero che tutto andrà bene. Continuo a ringraziarvi per il sostegno economico e morale che mi state dando".
Luca era infatti circondato da tanto amore. Questi i messaggi su Facebook per lui:
"Riposa in pace Caro Luca hai lottato tanto", Agata.
"Vola in alto Luca.. Ricordo benissimo il tuo sorriso e la tua voglia di vivere...", Federica.
"Non è giusto a 23 anni morire così. R.I.P tesoro"; Loredana
"Ricorderemo per sempre la tua allegria e spensieratezza, sempre con il sorriso sulle labbra..Ciao Luca", Alessio.
Condoglianze alla famiglia da www.sonialafarinanews.it

 

 

 

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

 

 

 

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

 

 

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

 

 

 

 

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)