La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

GARIBALDI CENTRO: PIAZZA ORDIGNO PER VENDICARE LICENZIAMENTO. SFIORATO LO SCOPPIO

Inviato 2018/07/14

di Sonia La Farina

Garibaldi centro: piazza un ordigno in ospedale per vendicarsi del licenziamento. Sfiorato lo scoppio.

Lo scorso 10 luglio, la polizia ha fermato un uomo di 47 anni accusato di avere fabbricato e portato all'interno dell'ospedale Garibaldi centro, un ordigno improvvisato di tipo incendiario composto da flaconi di plastica contenenti benzina collegati ad un timer, collegato a sua volta a una prolunga elettrica inserita in una presa.

Il 47enne era stato licenziato e per vendicarsi avrebbe piazzato l'ordigno nella sala dei server programmato per esplodere la notte tra l'8 e il 9 luglio. Il progetto è fallito perché la spina è stata staccata dalla presa.

Gli agenti della squadra mobile e gli artificieri sono intervenuti in seguito ad una segnalazione.

Dopo aver visionato le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza, la polizia ha fermato l'uomo che ora si trova ai domiciliari.

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)