La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

CASO RUSSO: CONFERMATO ERGASTOLO PER L'UOMO CHE UCCISE LA FIGLIA. LE PAROLE DELLA MAMMA GIOVANNA PER LA SUA LAURA

Inviato 2018/11/12

di Sonia La Farina

«Amore mio questa tua foto oggi dice tutto. Il tuo splendido sorriso..la tua mano con le dita che mostrano il segno di vittoria.. sì amore mio abbiamo vinto.. Oggi la giustizia italiana ha fatto il suo dovere..ti ha dato Rispetto e Giustizia..».

Con questa foto e con queste parole Giovanna Zizzo, mamma di Laura Russo, commenta sui social la notizia di oggi: Roberto Russo, il suo ex marito che nel 2014 uccise la loro figlia, avrà l'ergastolo.

La Corte di Assise di Appello di Catania, su richiesta del procuratore generale Antonio Nicastro, ha confermato infatti la condanna di primo grado all'ergastolo per il 51enne, che quattro anni fa uccise, accoltellandola mentre dormiva nel suo letto, la figlia di 12 anni, e ferì gravemente un'altra figlia, all'epoca 14enne.

Accolte quindi le richieste del pg Nicastro e dall'avvocato Giuseppe Lo Faro, che assiste la signora Zizzo e i figli: «un grazie di cuore va all'operato della Magistratura, al mio super avvocato Giuseppe Lo Faro e alle sue colleghe», continua la mamma di Laura.

Respinta quindi l'infermità mentale: per i giudici Russo era cosciente del terribile gesto che stava compiendo.

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)