La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

VIAGGIO NEI QUARTIERI DI CATANIA: INTERVISTA CON IL PRESIDENTE DELLA VI CIRCOSCRIZIONE, ALFIO ALLEGRA

Inviato 2018/12/20

di Sonia La Farina

È la più grande circoscrizione. È, come dice il suo presidente, "una città nella città".
Torna il viaggio nei quartieri di Catania: dopo la V e la III municipalità, sonialafarinanews si sposta nelle periferie della città: la VI circoscrizione (San Giorgio - Librino - San Giuseppe La Rena - Zia Lisa - Villaggio Sant'Agata).
Ad accompagnarci in questo cammino, il presidente Alfio Allegra.

Presidente come ha trovato i quartieri alla sua nomina e quanto è stato fatto in questi primi 6 mesi?
«Per i primi 40 giorni ho fatto dei consigli itineranti, per vedere ciò che, come presidente, mi aspettava. Ho visto che la VI municipalità è una città dentro la città, con spazi immensi, basti pensare che siamo quasi ai confini con Lentini e Carlentini. Problemi ce ne sono tanti. Per quelli risolvibili con risposte immediate stiamo provvedendo».

Nella sua circoscrizione non viene ancora effettuata la raccoltà differenziata. Come si sta muovendo a tal proposito?
«Dopo l'intervista con lei, ho un consiglio con l'assessore all'ambiente, ecologia e sicurezza Fabio Cantarella (qui presente con noi, ndr) per parlare anche della creazione di isole ecologiche, soprattutto su Librino. Intanto, anche in questo quartiere è stata consegnata dalla società Dusty la "chiave della bellezza", è stata fatta infatti una bonifica totale su tutto Librino».
Riguardo la bonifica su Librino, interviene l'assessore Fabio Cantarella: «è stata fatta una bonifica, dagli alberi alla spazzatura, con l'impegno dei cittadini a mantenere pulito il territorio. Inoltre con il nuovo anno abbiamo intenzione di creare nuove isole icologiche mobili a Librino e in altri quartieri. L'obiettivo è incrementare la differenziata».

Il presidente dell'AMT, Giacomo Bellavia, in una precedente intervista su sonialafarinanews, ha parlato dell'avvio di un BRT che collegherebbe aeroporto e Librino con il centro storico e di nuove linee degli autobus per intensificare il servizio. Ci può dare qualche aggiornamento?
«Noi abbiamo fatto un consiglio e abbiamo invitato il presidente Bellavia che mi ha detto che stanno arrivando autobus nuovi. Il 925 è stato già rinforzato e adesso non ci sono più lamentele da parte dei cittadini».

Passiamo a San Giorgio: quali sono ad oggi le principali problematiche del quartiere?
«A San Giorgio le problematiche sono infinite purtoppo. Soprattutto nelle scuole, dove mancano da anni rubinetti, piove all'interno delle strutture. Io credo che si sia fatto ben poco negli anni passati. C'è molto da lavorare».

Uno dei problemi può rilevanti della circoscrizione riguarda le strade dissestate nell'area "San Giuseppe La Rena - zona industriale". Soprattutto durante i temporali, la situazione diventa molto critica e a volte pericolosa. È possibile risolvere il problema?

«Ho saputo che una strada è regionale, quindi siamo in contatto con la Regione per vedere cosa si potrebbe fare, per il resto, purtoppo le pioggie di oggi non sono quelle di 20 anni fa. Quando piove si creano infatti delle buche enormi. Cerchiamo di tamponare ma non si riesce a risolvere definitivamente il problema. Ho sentito la quinta commissione del Comune di Catania che mi ha parlato della gara d'appalto su 6mila tombini da ripulire dalla cenere vulcanica. Infatti ci sono tombini che sono totalmente otturati, addirittura fuoriesce l'erba. Ci siamo messi d'accordo soprattutto su San Giuseppe La Rena».

 

Zia Lisa e Villaggio Sant'Agata sono zone di cui si parla poco. Qual è la situazione attuale?
«A parte qualche scuola che è a rischio a causa di alberi pericolanti, non ho riscontrato grossi problemi. Stiamo provvedendo a metterle in sicurezza».

 

In un precedente articolo, sonialafarinanews si è occupata di Vaccarizzo, area spesso dimenticata e denominata "quartiere degli abusivi". Ma lì ci sono anche tante case in regola e tanti cittadini che vogliono far rinascere il quartiere. Ci parla di qualche iniziativa?

«Io non so definire "persone abusive" se pagano le tasse. Lì ci sono persone che pagano regolarmente le tasse. Deve essere il Comune a fare in modo di metterli in regola su tutto, se per qualche cavillo burocratico non sono del tutto in regola. A Vaccarizzo i punti di riferimento che sono le mamme, che organizzano varie iniziative come quella dell'albero di Natale piantati dai bambini».

I primi di dicembre si è tenuta una riunione tra il sindaco Salvo Pogliese e tutti i presidenti delle circoscrizioni, per parlare di un nuovo regolamento del decentramento cittadino che darebbe nuove e più significative competenze alle municipalità. Cosa ne pensa?
«Se daranno le deleghe, cosa che non è mai accaduta, si può avere un rapporto più diretto con i cittadini e possono essere risolti più facilmente e più rapidamente i vari problemi di questi quartieri».

Parliamo del dissesto: la mancanza di fondi come sta colpendo il suo operato?
«Io spero che dall'inizio dell'anno inizierà una nuova fase. Intanto il problemi maggiori riguardano coloro che aspettano soldi dal Comune, io mi auguro che molte famiglie non vadano in fallimento».

Presidente, prima di salutarla e ringraziandola, poniamo a lei come agli altri presidenti anche quest’ultima domanda: come si trova con l'opposizione?
«Con la nuova legge, chi viene battuto rimane come consigliere. Con l'ex presidente ci conosciamo da anni, abbiamo un buon rapporto e continuamo ad averlo. E devo dire che a volte mi dà una mano, perchè magari sa cose che io ancora non conosco».

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)