La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

LIBRINO E CENTRO STORICO: PRONTE ISOLE ECOLOGICHE MOBILI

Inviato 2019/01/10

di Sonia La Farina

Lo avevamo preannunciato durante il nostro viaggio nei quartieri di Catania. Durante l'intervista con il presidente della VI circoscrizione, Alfio Allegra. Durante un colloquio con lui e l'assessore all'ambiente, Fabio Cantarella, che ci disse: "a partire da gennaio saranno pronte le isole ecologiche mobili". Detto, fatto.

Sono pronte sia a Librino che al centro storico le isole ecologiche mobili. Un'iniziativa messa in atto dalla società Dusty e dall'amministrazione comunale, che ha come obiettivo stimolare i cittadini a fare correttamente la raccolta dei rifiuti.
Un progetto in fase di sperimentazione e mai avuto a Catania, che avrà anche il fine di andare incontro alle difficoltà degli utenti distanti dai due centri di raccolta comunali, che si trovano nei quartieri di Picanello e San Giovanni Galermo.

L'isola ecologica mobile seguirà una specifica programmazione di postazione e orari, e, seguendo il progetto di educazione ambientale avviato dalla Dusty e dall'assessorato alla Pubblica Istruzione "Dusty Educational" in molte scuole comunali, gli stazionamenti saranno sempre in prossimità di alcuni plessi scolastici. Con l'obiettivo per far capire alle nuove generazioni l'importanza della raccolta differenziata.

Potranno essere portati all’isola ecologica mobile carta e cartone, plastica, vetro e piccoli RAEE (ovvero i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) in queste modalità:

fino al 10/01/2019 dalle 7:30 alle 14:30 di fronte l'Istituto Comprensivo "Vitaliano Brancati" (Viale Biagio Pecorino);
dal 14/01/2019 al 16/01/2019 (stessi orari) di fronte l'Istituto Comprensivo "Campanella Sturzo" (Viale Bummacaro);
dal 21/01/2019 al 23/01/2019 (stessi orari) di fronte la Chiesa di San Nicolò l’Arena (Piazza Dante);
dal 28/01/2019 al 30/01/2019 (stessi orari) in Piazza Federico di Svevia antistante il Castello Ursino.

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)