UA-133840645-1
La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

CENTRO STORICO. POGLIESE: VIA POSTEGGIATORI ABUSIVI, MERCE CONTRAFFATTA ED ESERCIZI COMMERCIALI NON IN REGOLA

Inviato 2019/04/11

di Sonia La Farina

Riuscirà il nostro sindaco Salvo Pogliese ad eliminare definitivamente dal centro storico posteggiatori abusivi, merce contraffatta ed esercizi commerciali non in regola?

L’impegno c’è, non si può dire il contrario.

Verbalizzazioni ai posteggiatori abusivi, sequestri di merce e verifiche di concessione del suolo sono stati, infatti, al centro dell’attività di controllo del reparto annona della polizia municipale con interventi di contrasto alla contraffazione e all’abusivismo.

Gli accertamenti hanno riguardato il centro storico e il Corso Sicilia, dove sono stati verbalizzati, per mancanza di concessione di suolo pubblico o per ampliamento, nove esercizi commerciali.

Sono stati inoltre verbalizzati  sette parcheggiatori abusivi.

Un altro intervento ha riguardato dei venditori abusivi che all’arrivo delle pattuglie si sono dati alla fuga tra la gente, impedendo qualsiasi tentativo di inseguimento da parte degli agenti per evitare il coinvolgimento dei cittadini. Sull’accaduto è stata formulata una notizia di reato all’autorità giudiziaria. La merce, circa un centinaio tra borse, cinture, portafogli di marchi noti contraffatti, è stata sequestrata.

Infine, in piazza Carlo Alberto, sono stati sono stati verbalizzati sette venditori che sporcavano il suolo pubblico.

I controlli sono stati voluti dal sindaco Salvo Pogliese e dell’assessore alla Polizia Locale Alessandro Porto e si sono svolti sotto le direttive del comandante Stefano Sorbino e del responsabile del reparto Francesco Caccamo.

 

 

 

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

 

 

 

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

 

 

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

 

 

 

 

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)