La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

TEATRO, CINEMA E TELEVISIONE. BALLERINA, ATTRICE E CANTANTE. DA CATANIA A MILANO, DA ROMA A NEW YORK. 15 ANNI DI CARRIERA DELL'ECLETTICA ARTISTA CHIARA BARBAGALLO

Inviato 2018/04/19

Redazionale di Sonia La Farina

Ha iniziato a studiare danza quando aveva solo 5 anni. A 18 ha lasciato la sua amata Catania per inseguire il suo sogno. Il sogno di diventare ballerina, attrice, cantante. In poche parole un'artista completa. Grazie a tanti anni di studio, tanti anni di duro lavoro, tanti anni in giro per il mondo come una "trottola" (come dichiara lei stessa), grazie alla sua caparbietà, alla sua determinazione e alla sua bravura, ce l'ha fatta. Stiamo parlando di Chiara Barbagallo, performer nostrana che ha calcato i palchi dei più grandi teatri italiani e stranieri. Ballerina, attrice e cantante Chiara vanta 15 anni di carriera in teatro, ma anche al cinema e in televisione.

Per pochi giorni a Catania e già in partenza per il prossimo tour, ha deciso di raccontarsi su sonialafarinaews.it

«Ho iniziato a studiare proprio qui a Catania - ci racconta Chiara - quando avevo solo 5 anni. Nel corso degli anni ho perfezionato i vari stili di danza e ho iniziato a studiare anche canto e recitazione. Finché all’età di 18 anni ho deciso di trasferirmi a Milano e di specializzarmi in una accademia di formazione per lo spettacolo: il MAS, accademia diretta da Susanna Beltrami».

Chiara ricorda i suoi studi, i suoi sacrifici, gli anni di duro lavoro che le hanno portato da subito notevoli frutti. «Sono stati 3 anni di studio molto intensi - dichiara l'artista - ho studiato canto, recitazione, dizione e vari stili di danza. E subito dopo ho iniziato a fare provini in ogni città, da Milano a Parigi a Berlino. Finché sono stata presa per uno spettacolo di varietà a Napoli come protagonista femminile. In questa città sono rimasta un paio di anni e ho lavorato al teatro Bellini per le produzioni di Tato Russo».

Dalla città campana alla capitale, dal teatro alla televisione il passo è breve.

Chiara nel 2010 approda al Bagaglino. «Mi sono trasferita a Roma - racconta - dove ho lavorato al Bagaglino per la regia di Pier Francesco Pingitore. Proprio al Bagaglino ho conosciuto il grande maestro Gino Landi, coreografo televisivo famosissimo, che vedendomi mi ha voluta in una sua nuova produzione».

E la carriera di Chiara continua incessantemente. «Ho lavorato al Rugantino con Enrico Brignano - ricorda - e con la compagnia di Massimo Romeo Piparo sempre in musical e commedie musicali. Ho fatto The full monty e La cage aux folles-Il vizietto, lavorando con personaggi come Sergio Muniz, Paolo Ruffini, Pietro Sermonti, Massimo Ghini, Cesare Bocci, Enzo Iacchetti e Marco Columbro».

Senza dimenticare l'emozionante serata con Gigi Proietti: «nel 2012 ho preso parte a Una serata con Gigi Proietti, proprio questo il titolo, dove il maestro si è esibito in tutti i suoi cavalli di battaglia. È stata un'esperienza indimenticabile».

E un'altra esperienza indimenticabile è stata la ripresa, nel 2014, di Rugantino. «Sempre con Enrico Brignano, siamo stati in giro per il mondo: da Roma a Firenze e perfino a New York. Siamo stati a Broadway ed è stata un'esperienza incredibile».

Tra gli ultimi capolavori, in ordine di tempo, La Famiglia Addams, «con Geppi Cucciari ed Elio di Elio e le Storie Tese. È stato divertentissimo lavorare con loro».

Ma come accennato, la brillante carriera di Chiara Barbagallo non si ferma nei palcoscenici dei teatri: dal Sistina al Salone Margherita di Roma, dal teatro della Luna a Milano al Verdi di Firenze, al già citato New York city center di New York (Broadway). «Ho lavorato anche al cinema come ballerina nel film La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino e in altre produzioni indipendenti. Ho fatto alcune pubblicità per Mediaset e per Sky, come Vitasnella e Canon Sky».

Ma la nostra Chiara è anche coreografa: «da 2 anni collaboro con Francesca Cipriani. Lei ha fondato il musical weekend, ovvero weekend intensivi di musical. Io sono la team leader nelle sue tre sedi, Milano, Roma e Catania, mi occupo sia delle coreografie, sia della regia, che del coordinamento artistico». Altra esperienza come coreografa è la favola Il principe e il pollo di Moni Ovadia, con la regia di Alessandro Idonea.

Artista eclettica, Chiara Barbagallo si è esibita per 15 anni in moltissimi spettacoli di danza, prosa, varietà, commedia musicale e musical. «Lo spettacolo era talmente la mia passione, era talmente ciò per cui avevo studiato, che dallo studio sono passata automaticamente al lavoro. Sono stata sicuramente molto fortunata a poter lavorare in questo campo, ma sono stata sempre molto determinata. All'inizio ho fatto milioni di provini, ho girato come una trottola per tutta l'Italia. Qui a Catania purtroppo non c’è la possibilità di fare quello che ho fatto io, ma ci sono comunque delle bellissime realtà. Una delle quali è quella con la quale collaboro da più di un anno: si tratta di GAGS: Giovani Attori per Giovani Spettatori, un’associazione teatrale nata con lo scopo di riportare i giovani a teatro. Produciamo infatti spettacoli innovativi che possano piacere ad un pubblico più giovane».

E proprio con la produzione GAGS Chiara Barbagallo sarà in scena da venerdì a Palermo. «Andrò in scena, con Amore e Pinziomonio, dal 20 al 29 aprile al teatro Massimo di Palermo. Si tratta di una commedia brillantissima, molto divertente con la regia di Federico Magnano San Lio e artisti quali Giovanna Criscuolo, Alessandro Ideonea, Salvo Disca, Giorgia Boscarino e me».

 E per non perdere i prossimi spettacoli, potete seguire la bravissima, poliedrica ed eclettica performer Chiara Barbagallo sui social: profilo e pagina Facebook e Instagram.

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)