UA-133840645-1
La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

ITALIA'S GOT TALENT, L'INEDITO "ANIMA A META' ", LA BAND "WITHOUT AGE": LA CARRIERA ARTISTICA DELLA CANTANTE SICILIANA, MELANIA CAPONETTO

Inviato 2018/12/17

Redazionale di Sonia La Farina

«Per me la musica è la medicina dell’anima, la musica è emozione. Quando canto e interpreto un brano, cerco di trasmettere ciò che sento a chi mi ascolta. La mia grande passione per il canto è diventata la mia ragione di vita».
Sono parole che arrivano dritte al cuore, quelle pronunciate dalla cantante siciliana Melania Caponetto che ha scelto sonialafarinanews per raccontare, in questo redazionale, la sua carriera artistica.

Nata a Ragusa il 10 febbraio 1969, Melania coltiva la passione per il canto fin in da piccola, partecipando al concorso canoro “Arancia d’oro” nel paese in cui vive, Francofonte, classificandosi terza nel 1976 e vincendo l’anno successivo.
Ma la svolta arriva nel 2012, quando Melania partecipa al programma televisivo “Italia’s got talent”: «è da quel momento – ci racconta la cantante – che inizio a studiare tecnica vocale con il vocal coach, Ferdinando Sparacino». È da quel momento, infatti, che inizia la vera e propria carriera di Melania, che, negli anni 2015/2016 vince due premi critica e un premio pubblico nella gara canora “Canta con noi”, partecipa al casting “Sanremo Music Awards”, si classifica terza nella gara canora “Note sotto l’albero” e sempre terza al “Premio damasco”.  E ancora, partecipa al casting “Premio Lucio Dalla” e alla gara canora “Odessa sing”.
Tante soddisfazioni, ma la più grande, l’uscita nel 2016 del suo primo inedito, Anima a metà: «con l’uscita di Anima a metà si realizza il sogno della mia vita – confessa Melania Caponetto – quello di avere un mio brano. La canzone è dedicata ad una persona speciale, anche lui un artista, Sandro Palmeri, che purtroppo non c’è più».
Con questo brano Melania partecipa “wwwcantoitaliano.it”, arrivando in semifinale con 2236 voti della giuria di qualità. Inoltre, Anima a metà riceve il premio della critica a Roma in un concorso di poesie per il testo.

Dopo l’uscita del brano, Melania continua a studiare, conseguendo un master di interpretazione canora con Fabrizio Romagnoli. Nel frattempo decide di formare una band tutta sua: «nel settembre del 2017 nasce la band “Without Age” – spiega l’artista – composta da me alla voce, Giovanni Dimauro e Salvo Messina alle chitarre, Lino Cuturi al basso e Nunzio Failla alla batteria. Abbiamo scelto questo nome perche la musica non ha età. Con loro partecipo al concorso “Il palco dei talenti” a Ragusa, classificandoci al terzo posto con un brano di Mina ri-arrangiato da noi stessi, “Ancora Ancora Ancora”».

Ultima soddisfazione della cantante arriva quest’anno, quando al concorso “Real talent”, si classifica prima nella categoria senior con il brano “New York New York” di Liza Minelli.
Melania Caponetto è una donna che ha sempre amato la musica. I suoi miti sono Mina, Giorgia, Battisti, Whitney Houston e il suo genere preferito è il pop.
In un’età più matura ha dato una svolta alla sua vita, studiando, partecipando a gare e concorsi, lanciando il suo primo inedito e formando la sua band “Without Age”, con la quale si sta avvicinando al rock , soul e blues.
Without Age”, perché appunto come dice lei stessa, “la musica non ha età”.
E la carriera di Melania non si ferma qui: «Ho alcuni progetti futuri – conclude la cantante – per esempio ho un altro inedito in cantiere: già ho scritto il testo e c’è pure la melodia, diciamo che è in costruzione».
Nell’attesa di conoscere il nuovo brano, potete ascoltare Anima a metà cliccando il seguente link:

https://www.youtube.com/watch?v=z3WYcjJV0wE&feature=youtu.be

Testo: Melania Caponetto
Musica e Melodia: Ferdinando Sparacino
Arrangiamenti/Registrazioni/Editing: Ferdinando Sparacino
Mix: Anthony Panebianco
Produzione Esecutiva: Melania Caponetto
Produzione Artistica: Ferdinando Sparacino

 

 

 

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

 

 

 

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

 

 

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

 

 

 

 

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)