UA-133840645-1
La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

DAL SOGNO ALLA REALTA', DALLA SICILIA A GLASGOW: QUATTRO RAGAZZI ASSUNTI COME CROUPIER, DOPO LA FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLA CHILTON - SCUOLA CROUPIER

Inviato 2018/12/12

Redazionale di Sonia La Farina

IQuattro giovani ragazzi con la valigia piena di sogni, ma con in mano una solida realtà. Quattro ventenni che sono appena partiti dalla Sicilia verso Glasgow con in tasca un contratto a tempo indeterminato. Il lavoro? “Croupier”: una professione forse poco conosciuta, ma dalle molteplici richieste, sia in terra che in nave.
Benedetto, Vincenzo, Martina e Ivan, grazie alla loro determinazione e grazie alla formazione professionale ricevuta dalla Chilton – Scuola Croupier Catania, hanno realizzato, giovanissimi, il sogno di poter lavorare.

«Ho sempre sperato di lavorare in un casinò – ci racconta Benedetto Privitera, 20 anni, Catania – In passato ho lavorato in un centro scommesse e l’ambiente del gioco, dal punto di vista di chi vende, mi è sempre piaciuto. Inoltre mi piace contare e sono bravo in matematica. L’anno scorso ho visto l’annuncio su Facebook

(nella foto: i ragazzi in aereo in partenza verso Glasgow)

della Scuola Croupier Catania e mi sono detto: perché non provarci? A scuola ho imparato a gestire un tavolo e fare tanti giochi. E adesso ho un lavoro. Voglio che sia il lavoro della mia vita, fino a quando non smetterò di lavorare voglio fare questo. Voglio raggiungere il livello più alto, voglio dare il massimo. Il mio obiettivo è arrivare a Las Vegas».
Determinato Benedetto che a soli 20 anni, a differenza di molti coetanei, si è subito  rimboccato le maniche per crearsi un futuro.

Ma a scuola c’è anche un 27enne, che di esperienze lavorative alle spalle ne ha, ma che ha deciso di rimettersi in gioco con un lavoro del tutto nuovo.  Vincenzo Centamore, Lentini: «ho avuto l’intenzione di frequentare questo corso qualche anno fa, tuttavia non ho trovato il coraggio di iscrivermi perché non mi sentivo pronto a lasciare la mia

(nella foto Vincenzo con Martina e Ivan al tavolo da gioco)

terra. Ma questa estate sono stato a Malta, sono entrato in un casinò e, guardando il lavoro del croupier, ho deciso di iscrivermi alla Chilton. Anche mio cugino ha frequentato questa scuola e si è trovato benissimo. Qui giorno dopo giorno, ho amato ancora di più questo lavoro: contare le puntate, gestire un tavolo… sono sempre più convinto di poterlo fare, spero di fare carriera. E poi amo viaggiare, entrare in contatto con le persone e con una lingua che non è la nostra. A Glasgow ci saranno tante cose da scoprire».
E in questo bel gruppo appena approdato a Glasgow c’è anche una ragazza: determinata e combattiva, Martina Cucinotta ha viaggiato ogni giorno da Messina per frequentare Scuola Croupier Catania.
«Sebbene io abbia solo 22 anni sentivo l’esigenza di qualcosa che desse una svolta alla mia vita. Ma qualcosa che potesse essere stabile. Ho visto diverse inserzioni su Facebook della Chilton: inizialmente pensavo fosse la solita scuola che paghi, ti rilascia l’attestato e ti manda a casa. E invece a Settembre ho fatto le selezioni e adesso sono a Glasgow con un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Sentirò la mancanza della famiglia ma loro appoggiano ogni mia scelta. Come l’aver viaggiato ogni giorno per frequentare la scuola. Ogni giorno mi sono svegliata alle 6 per essere presente e sono ritornata a casa dopo le 20, ma non mi è mai pesato».
E da Messina, anche il 20enne Ivan Tavilla che, per frequentare Scuola Croupier Catania ha affittato una casa nella città etnea: «la mia è una vera e propria passione: amo gestire un tavolo, amo questi giochi. Ho fatto diverse crociere, ed entrando nel casinò della nave sono sempre rimasto affascinato dalle luci e dall’ambiente. Adesso lavorerò io in un casinò e ne sono felicissimo. Mia mamma sicuramente sentirà la mia mancanza, ma crede che riuscirò a far carriera».

Sì, perché con Chilton – Scuola Croupier Catania è realmente possibile formarsi professionalmente, trovare un lavoro stabile e far carriera.
La scuola, nata a Catania nel 2012 e sita in Piazza Cavour 19, è gestita dai manager Enrica Zuccarello e Andrea Zancla, che il 12 Gennaio 2019 effettueranno le

(nella foto la manager Enrica Zuccarello con tre dei ragazzi durante il colloquio)

prossime selezioni per la formazione di un nuovo corso.

«Il corso è rivolto a ragazzi e ragazze dai 18 ai 35 anni – spiega la manager Enrica Zuccarello – È richiesta una conoscenza base della lingua inglese, dimestichezza con le tabelline, non essere affetti da daltonismo, non avere precedenti o procedimenti penali in corso, non avere tatuaggi in vista (viso, collo e mani). Chi supera la prima selezione, frequenta la scuola per una settimana gratuitamente. Le lezioni sono dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 18.30 e durano 4 mesi. Chi lo vorrà può inviare il curriculum con foto alla nostra mail».
Chilton – Scuola Croupier si trova in piazza Cavour 19, Catania. È possibile consultare il sito www.chilton.it e la pagina Facebook "Scuola Croupier Catania".
Per info contattare la scuola ai seguenti recapiti telefonici: 095 28877943922206821 o all'indirizzo e-mail: catania@scuolacroupier.it

 

 

 

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

 

 

 

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

 

 

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

 

 

 

 

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)