La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

ALBERTO PAPPALARDO: ATTORE, TENORE, MODELLO E FOTOGRAFO. ARTISTA ETNEO DAI MILLE VOLTI

Inviato 2018/03/27

Redazionale di Sonia La Farina

Un artista a 360 gradi. Un ragazzo catanese che ha girato il mondo. Un giovane poliedrico e ricco di talento. Tante infatti le sfaccettature della sua personalità: attore e cantante, ma anche modello e fotografo. Stiamo parlando di Alberto Pappalardo, performer e tenore nostrano, che ha deciso di raccontarsi su sonialafarinanews.it.

Laureato a Catania in Scienze della Comunicazione e specializzato all’Università di Milano in Scienze dello Spettacolo, Alberto, 34 anni, comincia a muovere i primi passi a soli 16 anni nell’affascinante mondo del teatro. Proprio in scena scopre di avere una voce “importante” e negli anni diventa tenore.

«Ho iniziato la mia carriera a 16 anni con il teatro – ci racconta Alberto – esattamente con il musical. In quegli anni ho iniziato a far parte di una compagnia teatrale, della quale ne sono ancora parte attiva, e ho iniziato a capire di avere un timbro portato per la lirica. Dopo poco ho deciso di studiare canto lirico con vari maestri tra cui il soprano Giovanna Collica, direttore artistico del Coro lirico siciliano, coro del quale ancora oggi faccio parte».

Una vita divisa dunque tra opere teatrali e spettacoli musicali. Dal 2002 infatti Alberto Pappalardo è performer presso la compagnia teatrale D.B. Friends – Compagnia Novaluna (regista Vincenzo Licari), con la quale realizza musical di elevato spessore artistico: «siamo partiti con Pinocchio, il musical dei Pooh dove io interpretavo proprio il protagonista. Abbiamo proseguito con Peter Pan dove ero Capitan Uncino. E ancora, l’opera rock I dieci comandamenti e Francesco e Chiara, Passione di Cristo. Ho interpretato Dracula in Dracula  e Mercuzio in Romeo e Giulietta. E adesso siamo in prova con Hair Spray che sarà in scena a fine maggio nel teatro di Biancavilla».

Riguardo il suo lavoro di tenore, Alberto dal 2013 è corista presso il Coro Lirico Siciliano (maestro del coro Francesco Costa, presidente Alberto Munafò, direttore artistico il già citato soprano Giovanna Collica), con il quale ha fatto numerosi spettacoli.

«Abbiamo realizzato l’Aida e la Traviata – spiega il tenore – Pagliacci e Cavalleria Rusticana, e molte altre opere liriche, oltre ai concerti. Abbiamo girato diversi teatri, da Siracusa a Taormina, collaborando con tanti registi importanti a livello nazionale e mondiale. Ho partecipato alle rassegne operistiche più importanti della Sicilia e del mondo, da Macao International Music Festival a Chicago Opera House. Adesso stiamo preparando Otello che andrà in scena i primi di maggio al Politeama di Catanzaro. E Il trovatore che, anche quest’anno, verrà portato in tournee in Estremo Oriente. A tal proposito ci tengo a ricordare che il Coro lirico siciliano è l’unico ente professionistico siciliano lirico e l’unico ente ambasciatore dell’opera lirica italiana in Estremo Oriente, oltre ad aver avuto il riconoscimento dell’Oscar della Lirica e il premio Bellini».

Una carriera artistica di grande spessore quella di Alberto Pappalardo che ha calcato diversi palcoscenici interpretando tantissime opere. Non solo, tante sono state in questi anni le soddisfazioni per il nostro giovane artista etneo.

«Ho collaborato con i maggiori registi e cantanti lirici del mondo – dichiara Alberto – Sono stato corista dell’opera popolare di Riccardo Cocciante, Romeo e Giulietta. Ho partecipato all’Accademia di Sanremo e al Girofestival. Sono stato ospite a Uno Mattina nel 2009. Nello stesso anno ho vinto il Pilone d’oro di Messina. E nel 2016, in occasione del concerto di musica sacra tenutosi presso la basilica Maria Santissima dell’Elemosina di Biancavilla, ho avuto il piacere e l’onore di cantare per Monsignor Frisina, uno dei più importanti compositori di musica ecclesiastica liturgica, che mi ha diretto durante questo concerto».

Ma la vita di Alberto Pappalardo, come già detto, non si ferma qui. Oltre la professione di attore e di tenore (e aggiungiamo anche cantante presso eventi come matrimoni), Alberto ama stare anche davanti e dietro l’obiettivo della macchina fotografica.

Tra le sue passioni, infatti, anche quella di modello e di fotografo.

«Qualche volta – afferma – vengo chiamato per sfilate d’abbigliamento o per tagli e modelli di capelli, per i quali ringrazio il mio barbiere personale Matteo Lavenia. Amo anche la fotografia e nel 2011 ho vinto il concorso fotografico nazionale Destinazione volontariato, indetto da Ferrovie dello Stato. Il tema era appunto il volontariato nelle stazioni ferroviarie. Per la mia foto ho chiamato alcuni amici per simulare una scena: un ragazzo vestito da barbone, una ragazza vestita da scout che prestava soccorso all’uomo e in lontananza una persona che osservava la scena senza avvicinarsi. Dopo diversi scatti, passò il treno senza fermarsi e decisi di catturare l’immagine. Immagine che rappresenta la vita che scorre e non si ferma davanti a chi ha bisogno. Con questa foto ho vinto un premio in denaro e una medaglia di riconoscimento del presidente della Repubblica».

Un’altra soddisfazione per il nostro Alberto, ragazzo etneo, precisamente di Biancavilla, che merita una vita ricca di altrettanti successi.

Potete trovare e seguire Alberto Pappalardo sui social: profilo e pagina Facebook, Instragram e Youtube. E potete contattarlo al numero 3281844623.

"Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli)

 

"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, e le violenze che non è stato mai capace di combattere". (Giuseppe Fava)

 

"Il compito di un dottore è guarire i pazienti, il compito di un cantante è cantare. L’unico dovere di un giornalista è scrivere quello che vede". (Anna Politkovskaja)

 

"Il giornale è la vita. Noi viviamo attraverso le vite degli altri. Smettere di fare i giornali equivarrebbe a smettere di vivere". (Vittorio Feltri)